Venezia

Conferenza dei Sindaci del Litorale Veneto risponde all’appello delle attività di Caorle

I dieci Sindaci della Conferenza già precedentemente erano stati interpellati da tutte le attività del Litorale veneto. Dopo la protesta, si sono mossi condividendo le istanze dei commercianti, albergatori, ristoratori e gestori di pubblici esercizi di Caorle che nei giorni scorsi hanno dimostrato il loro dissenso contro il caro bollette.
La protesta ha messo in luce la preoccupazione di numerose famiglie e delle attività economiche che hanno espresso ai Sindaci, loro diretti interlocutori, gli effetti dei rincari riguardanti i consumi energetici.

“Come Conferenza dei Sindaci del Litorale Veneto, nell’interesse dei cittadini e dei territori che amministriamo, chiediamo che il problema sia affrontano congiuntamente, da Governo e Regione, con una impostazione politica che agevoli misure strutturali, si legge nella missiva firmata dalla Presidente, la sindaca Roberta Nesto.
La situazione è preoccupante.
Gli imprenditori non solo subiscono ancora gli effetti provocati dalla pandemia da Covid 19 e dai provvedimenti legislativi volti a contenere la diffusione del virus, ma anche la crescente inflazione che erode sempre di più il potere di acquisto di lavoratori e pensionati. Il rischio è un aumento percentuale degli interventi in termini di aiuti sociali, che, come comuni, non siamo in grado di sostenere, stante i bilanci di cui disponiamo”.

I Sindaci, nella missiva indirizzata ai Ministri e al Presidente regionale Luca Zaia, hanno richiesto azioni concrete e immediate che concorrano a contenere gli aumenti, in particolare prevedendo azioni economiche sistematiche per regolamentare il caro bollette, attraverso una decretazione d’urgenza che preveda il finanziamento di un fondo specifico a favore del calmieramento dei prezzi tramite risorse specificatamente destinate, analogamente a quanto avvenuto durante la pandemia nel 2020 – 2021, che interessi non solo le attività produttive ma anche i cittadini.

Chiedono inoltre si attivino politiche volte alla transizione ecologica con l’utilizzo delle fonti rinnovabili, con procedure autorizzative semplificate e accelerate, secondo quanto indicato dalla Direttiva Europea 2009/28/CE.

I Sindaci non possono essere lasciati soli nella gestione delle difficoltà causate, ad avviso nostro, non solo dalla complessa congiuntura internazionale ma anche da una forte speculazione a danno di operatori privati e cittadini, come purtroppo spesso accade in situazioni analoghe, dove difficile è il monitoraggio della situazione in generale”.

Articoli correlati

Back to top button