Pordenone

Vertenza Atap: sindaco Ciriani chiede due settimane per trovare intese

Quest’oggi il sindaco di Pordenone Alessandro Ciriani ha incontrato l’Azienda di trasporto pubblico ATAP e le rappresentanze sindacali di Cigl, Cisl, Uil, Cisal e Ugl.
Durante l’incontro sono emerse alcune criticità che si presentano ormai da lungo tempo.

Queste riguardano la necessità di integrare il personale, il rapporto esistente tra l’Azienda principale ATAP e la subappaltante STI, l’equa distribuzione del personale che viene utilizzato in subappalto tra il servizio urbano e l’extra urbano, la questione delle retribuzioni e dei buoni pasto, oltre a molti altri aspetti che concernono la qualità del servizio.

Spiega il sindaco Ciriani: «Alcune questioni si possono risolvere abbastanza agevolmente, mentre altre hanno delle implicazioni di carattere economico sull’Azienda ed impongono necessariamente una riflessione. Essendoci anche delle questioni molto delicate, con ricadute importanti dal punto di vista economico e dei conti dell’Azienda, ho chiesto un paio di settimane per effettuare una necessaria verifica ed un confronto con la stessa ATAP e con gli altri soci, coinvolgendo se necessario anche la Regione FVG, in modo da poter discutere sopra una bozza di proposta.
L’intento – continua Ciriani – è quello di avvicinare le parti, migliorando l’organizzazione interna all’azienda per consentire agli autisti di poter conciliare le esigenze lavorative, famigliari e del tempo libero, prestando servizio in un clima positivo, cercando di risolvere al meglio tutte le questioni che sono emerse».

Poiché al momento non ci sono risposte, il Comune intavolerà a breve un negoziato con l’Azienda e, non appena ATAP presenterà una bozza di proposta, questa verrà sottoposta ai sindacati al fine di cercare, tutti insieme, un punto di accordo.

Articoli correlati

Back to top button