Treviso

Fermati a Vedelago i presunti autori di furti con la tecnica del cash trapping agli sportelli bancomat

Avevano insospettito una pattuglia di Carabinieri impegnati nelle scorse ore in un controllo stradale in via Marconi di Vedelago e sono stati quindi fermati a bordo di un’ autovettura di grossa cilindrata.
Si tratta di un 27enne rumeno e di una connazionale di questi, 23enne che a seguito di perquisizione sono stati trovati in possesso di quattro congegni pronti all’ uso utili per commettere furti con la tecnica c.d. del “cash trapping” e di svariato materiale per il confezionamento e posizionamento degli stessi (cutter, cacciavite, forbice, tenaglia, nastro biadesivo).

Il materiale è stato posto sotto sequestro e i due stranieri sono stati denunciati per possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.

La particolare tecnica consiste nell’ inserire un oggetto metallico – una sorta di molletta o forcella – nell’ apertura dedicata all’ erogatore di banconote dello sportello ATM-Bancomat, le banconote restano così incastrate e non possono essere ritirate dall’ utente che ritiene che si sia verificato un guasto tecnico e si allontana.
Le banconote vengono successivamente recuperate dal malfattore forzando lo sportellino e “sfilando” la “forcella” con le banconote.
Questo tipo di reati viene posto in essere solitamente in ore serali e notturne quando gli uffici bancari o postali sono chiusi.

Articoli correlati

Back to top button