Veneto

Schiarite sul Veneto: criticità rimane nel Basso Brenta Bacchiglione. Filtra acqua dall’argine del Muson di Sassi

Finalmente sono arrivate le schiarite e la Protezione Civile del Veneto ha aggiornato l’allerta idrogeologica che permane gialla in tutti i bacini.
Le previsioni meteo di Arpav indicano che, dopo l’intensa perturbazione transitata tra ieri sera e stamane, domani mercoledì e giovedì 23 maggio il tempo rimarrà ancora instabile, ma con precipitazioni che saranno comunque più irregolari e discontinue.
Tuttavia saranno ancora possibili dei rovesci, e non si esclude qualche fenomeno localmente intenso.

I Vigili del fuoco sono tornati ad operare a Camposampiero per delle perdite di trafilamento dell’argine del Muson dei Sassi, che si era rotto la settimana scorsa. Sul posto una unità di alta capacità di pompaggio per il travaso d’acqua dal Muson dei Sassi al Muson Vecchio.

In considerazione delle previsioni, l’allerta rossa per criticità idrogeologica rimane limitatamente nel bacino del Basso Brenta Bacchiglione.
E’ stato decretato anche lo stato di preallarme (arancione) invece nei bacini dell’Adige-Garda e Monti Lessini e dell’Alto Brenta Bacchiglione Alpone, mentre si stabilisce lo stato di attenzione (giallo) nel resto del Veneto.

Per quanto riguarda la criticità idraulica non vi sono zone di massima allerta:

  • stato di preallarme (arancione) nel bacino dell’Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone; nel bacino del Po, Fissero-Tartaro-Canal Bianco; nel bacino dell’Adige-Garda e Monti Lessini e nel bacino Basso Brenta – Bacchiglione
  • stato di attenzione (giallo) nei bacini del Basso Adige; Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna; del Livenza, Lemene e Tagliamento, del Livenza, Lemene e Tagliamento e nel bacino del Piave Pedemontano.

Nella zona del Basso Brenta -Bacchiglione permane uno stato di “allarme” limitatamente al fiume Fratta. Nella zona del Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna permane uno stato di “preallarme” limitatamente al fiume Sile nella zona di Roncade.

Infine, stato di preallarme è limitato all’asta del fiume Po per il transito della piena sulla zona del Delta, a valle di Cavanella.

Articoli correlati

Back to top button