CuriositàVeneto

Veneto/mese di gennaio precipitazioni oltre la media e temperatura più mite (+1,5°)

A gennaio sono caduti mediamente in Veneto 82 mm di precipitazione, stimabili in circa 1505 milioni di m3 di acqua.
La media del periodo 1994-2023 è di 59 mm, superiore alla media del 40%.

Le massime precipitazioni del periodo sono state registrate dalle stazioni di: Rifugio la Guardia (Recoaro Terme VI) con 174 mm, Valpore Monte Grappa (Seren del Grappa BL) con 168 mm e Turcati (Recoaro Terme VI) con 158 mm. Per la Pianura si citano i 131 mm caduti a Fossalta di Portogruaro (VE).

Per la falda si ha una situazione con livelli nella media per il periodo, se si esclude l’alta pianura veronese, dove il deficit rispetto alla media è in calo ma ancora consistente.

A livello di bacino idrografico (solo parte Veneta), rispetto alla media 1994-2023, si riscontra un surplus pluviometrico del: +28% sul Piave, +25% sul Livenza, +20% sull’Adige, +17% sul Tagliamento, + 16% su Sile, +12% su Po e su Pianura tra Livenza e Piave, +11% sul Brenta e +10% sul Lemene;

Al 31 gennaio le portate dei maggiori fiumi veneti, in calo dalla seconda decade del mese, sono ormai prossime o inferiori alle medie storiche su tutti i principali corsi d’acqua.

La temperatura molto mite della terza decade del mese di gennaio (+4.5° C rispetto alla media), terzo valore dal 1991 (2008 e 2002 le due decadi estremamente calde), ha reso gennaio mite (+1.5°C).
Le prime due decadi sono state solo leggermente più fresche (-0.3, – 0.5 °C). Il giorno più freddo è stato il 20 gennaio, giorno fin ora più freddo dell’inverno (assieme al 3 dicembre) e il più caldo il 24.

Nel corrente mese nelle Dolomiti sono caduti 30- 50 cm di neve a fondovalle (1200 m circa), 70-80 oltre i 1600 m di quota. Nelle Prealpi vicentine sono caduti 80-100 cm di neve fresca già a 1600 m di quota, nelle veronesi 40-60 e nelle bellunesi 25-45 cm di neve. Le temperature miti della terza decade del mese, associate a venti anche di föhn, hanno determinato una importante fusione della neve.
Il cumulo di neve fresca dal 1° ottobre al 31 gennaio è ancora inferiore del 20%, che corrisponde a circa 50 cm di neve fresca in quota nelle Dolomiti e di oltre il 40% nelle Prealpi (mancano quasi 80 cm di neve fresca).

Articoli correlati

Back to top button